Home » CENNI VITA GIOVANNA D'ANGIO'

CENNI VITA GIOVANNA D'ANGIO'

stampa pagina

GIOVANNA 1^ D'ANGIO'

Nel 1343 Giovanna d'Angio'  non ancora diciottenne,divenne erede del Regno di Napoli,secondo il diritto di successione conferitole dal nonno Roberto.

Prima Regina del Sud,e' passata alla storia piu' che per la sua tenacia nel  reggere e difendere il suo regno,per i quattro matrimoni in cui si uni',senza pero' condividere mai con i coniugi il trono.Rientrano nel racconto leggendario invece il gran numero di amanti  che avrebbe avuto la cui storia si lega al  Castel dell'Ovo dove ricevuti sarebbero stati spesso anche uccisi.

Il primo matrimonio avvenne con Andrea d'Ungheria in via nominale all'eta' di sette anni,successivamente con lui ebbe il suo unico figlio,nato pero' dopo la morte del padre. Andrea infatti vittima di una congiura  venne ucciso nella villa reale di Aversa. Suo fratello,Luigi d'Ungheria ,individuo' come colpevole Giovanna che puni' arrivando fin nel cuore del suo regno distruggendo e portandole via l'unico figlio che era stato messo al riparo nel Castel dell'Ovo.

La regina nel frattempo concesse la sua mano a Luigi di Taranto,ilquale difese strenuamente il regno della moglie riuscendo  alla fine a fare prigioniero Luigi d'Ungheria che mori' probabilmente avvelenato nelle famose prigioni di Castel dell'Ovo. Dopo poco mori' anche Luigi di Taranto  e Giovanna ancora una volta si risposo' con Giacomo di Maiorca,morto in guerra dopo soli due anni.

Si trovo' quindi da sola ad affrontare i baroni ribelli,che pero' vennero bloccati dal suo agguerrito esercito e venne fatto prigioniero Ambrogino Visconti,figlio naturale del  Signore di Milano  Bernabo' Visconti.Rinchiuso  nelle prigioni di  Castel dell'Ovo riusci' a fuggire a seguito del caos dovuto  al crollo di gran parte  delle costruzioni a ridosso del grande arco naturale che  univa le due parti dell'isolotto e evidentemente dovette cedere. Episodio che divenne leggendario poiche' a causa di questo  vi fu la rottura del famoso uovo nascosto da Virgilio nelle stanze segrete del  forte. I piu' attribuirono le colpe della rotura dell'uovo ad  Ambrogino che quindi avrebbe fatto crollare  il Castello.

La regina Giovanna 1^ dovette ovviare  ai danni ma soprattutto calmare l'agitazione popolare  che attribuiva a questa rottura presagi funesti  per tutta la citta'. Vi fu una solenne dichiarazione della regina che nascose nuovamente un uovo magico all'interno del castello,per salvaguardare il castello,la citta' stessa e i napoletani.

Giovanna sposo' poi Ottone di Brunswick,capitano di ventura,che difese strenuamente il regno della consorte durante i tumulti dovuti alla posizione antipapalina assunta dalla regina durante il grande scisma.Carlo di Durazzo con le sue truppe sbaraglio' le scarse forze di cui disponeva Ottone e lo fece prigioniero.La regina stessa poi si arrese al vincitore  e venne fatta prigioniera  nello stesso castello  che era stato sua dimora,prima di essere trasferita al castello di Muro Lucano dove mori' strangolata nel  1378.